Ripiegata

su me stessa
-foglia asciutta-
il vuoto nello stomaco
che risucchia
l'aria

soffoco senza far rumore
e appassisco

lontana da te
ogni istante
é abisso

contare i giorni
e sperare che muoiano in fretta
come le farfalle
come i sogni al mattino

  • Utente:
    PlexiglassDoll
  • Autore:
    Lau
  • Data:
    22/05/2008 20:39:21
  • Voto:
  • Commenti Commenti:
    1
  • Preferiti Preferiti:
    0
  • Visite Visite:
    1327
  • Commenti


  • poesia drammatica ma intensa
    nel descrivere la sofferenza della lontananza dall'amato desiderato.
    Silvj (24/02/2015 12:35:33)

Vuoi lasciare un commento? Registrati oppure accedi se sei già membro