Io temo che la mia disavventura

(riadattata da Guido Cavalcanti)

Io temo che la mia disavventura
mi faccia dir ancor: ""I ' mi dispero""
e mi tormenta sì crudel pensiero
che giorno e notte tremo di paura.

Più dolor mi chiama più dolor non fugge
più lei mi ama e più mi distrugge
e sì come peste e sì come morte
d'evitarla cerco sempre più forte.

A nulla importa che le dica il vero
che il mio cuor per lei non è leggero.
Spietata e fiera mi riporta a mente

ch'è senza frutto un amor dolente.
Son questi i Princìpi per cui lei dice
l'amor più conta di un infelice.

  • Utente:
    POLEMOS
  • Autore:
    Pòlemos
  • Data:
    27/12/2010 14:30:24
  • Voto:
    -
  • Commenti Commenti:
    0
  • Preferiti Preferiti:
    0
  • Visite Visite:
    901
  • Commenti

Vuoi lasciare un commento? Registrati oppure accedi se sei già membro